This blog is moderated! Dot not leave anonymous messages because I won't even open them and will directly reject them. Any attempt to spam this blog ends directly in the spam filter of my gmail account.

Thursday, April 07, 2011

Whatever happened to healthy curiosity?

I am always very surprised at the level of ignorance (as in Ignoring things, without bothering to research what's behind them) I see at times... it's like people never goes to school or has no curiosities. What came before them never existed. For instance I knew what "gentile" mean when I was 16... was it because I did not have internet and had read all of Shakespeare's plays? Was it because I had made a list of noticeable novels that everyone should read before they die and had already gobbled Sir Walter Scott?

I cannot tell... but for example at 16 I knew about the history of film, had watched Citizen Kane already, knew Sunset Boulevard by heart. I knew the names of all the actors of the past... the name of the first movie with sound, the first one in technicolor.... I had read Mauss by Art Spiegelman and Spirit. I knew Buster Brown and Barbarella. I had read Mickey Mouse comics from the 30's and saw that some scenes in Indiana Jones are taken from it. Anything I watched and saw, I had to know where it came from... are you original... are you copied...

If I questioned something or the relevance of it I would go and question it directly to find out WHY I was supposed to learn and do that and if I felt it was useful I would it else I would say: sorry, I am not going to learn this you can give me an F already. I know why you are doing this, it works with others but not with me.

I feel the questioning, nowadays, is a product of laziness: not to get out of stuff with a reason but because - gee - it's too much work! (and nobody ever wonders if it's useful or not, and in the end might be their loss).

When I watch or read something, today, I dismantle it right away... and I can retrace the step of its creation in such a way that I can then choose: I buy it or... sorry I am not buying it.

The products that are thrown at us, today, are all meant to make our brains go numb...

You take the train or sit at the table and suddenly you see everybody pulling out a smartphone and the fingers start moving, like orchestra directors, swing right or left.

And even though they point out how useful things are... I still do find places without a phone, I don't get lost and if I have a question and cannot surf the web now... surely I don't die!!!!

I wait... it's nice... I relax... then go back and look for it!

In short I feel like I own my time and I am not owned by it.

It's so nice to go and talk to someone in person... "let me see if she's in the office"... It's so nice to pull out a sketchbook or a camera while everybody is too busy looking at a screen instead of looking at you.

It's so the best being able to know how to search for things because I remember names and dates and preparing materials for this and that thing becomes a treasure hunt without frustrations.

Knowledge does not make you any smarter... it doesn't. But it does simplify your existence and help you step away from certain things, looking at them with a detached eye. Grinning at the stupidity of some choices... then getting upset because it's dumbing down the audience while educating it, it's always worth a try... then grin again because... because....

I hate when they talk about expendable generation who'll never fill the previous one's shoes. You want to keep them in darkness so they'll never get your jobs... you manipulated them and raised them to question everything in an useless way.

I want them out of this Hell you created for them because their heart is better than yours! è_é

But be curious! Don't just stop at the surface!

What does "gentile" mean?

Come on! Find out for yourselves!

Why do you always expect the solutions to fall from the sky?

5 comments:

Misato-san said...

post che capita a fagiolo... sono tanto con te. Giusto 10 minuti fa una tizia ha chiesto una cosa su un forum che frequento. Le ho dato la risposta in due minuti usando, pensa un po'... GOOGLE.
E lei tutta stupita ha risposto che "non aveva pensato di usare internet" o_____O
Cacchio sei in rete a fare?!

Ovviamente per lei come per tutti gli utenti moderni e' piu' comodo chiedere che far da se'.
Che gente triste...

Deda said...

E devo dire una cosa... non è nemmeno colpa loro.

In questi giorni sto scrivendo un essay da presentare alla fine del corso che ho fatto per diventare insegnante qui a Singapore.

Per tutto il corso non hanno fatto altro che ripetermi che noi insegnanti ci ritroviamo davanti alla generazione Y.... ma, onestamente, quando vedo i risultati dei miei ragazzi e, soprattutto, confrontandoli con le cose che facevo io alla loro età... mi sono resa conto che questi studi generazionli hanno calcolato male gli anni e non hanno considerato quando la tecnologia è entrata in un determinato Paese.

per cui io, che dovrei essere Generazione X, sono il perfetto esempio di una generazione Y che muta verso la Z (con un trentennio quasi di ritardo sugli studi!!!).


Insomma mi sono messa ad analizzare le caratteristiche e nel mio essay sto smantellando una per una tutte le certezze e le etichette che sono state appioppate ai miei ragazzi.
Per farla breve la generazione Y è già là fuori che lavora da qualche anno e i nostri studenti sono di già i web native o millenial children o come cavolo li vogliono chiamare.... che tutto sono fuorché Highly Educated... ma non è colpa loro!

per cui quando ti trovi davanti queste persone ti devi domandare... in che anno sei nato? Dopo il 1995?
sospirone, segno della croce... tesoro lascia che zietta ti spieghi come usare il web perché mamma e papà non l'hanno fatto!

Deda said...

E devo dire una cosa... non è nemmeno colpa loro.

In questi giorni sto scrivendo un essay da presentare alla fine del corso che ho fatto per diventare insegnante qui a Singapore.

Per tutto il corso non hanno fatto altro che ripetermi che noi insegnanti ci ritroviamo davanti alla generazione Y.... ma, onestamente, quando vedo i risultati dei miei ragazzi e, soprattutto, confrontandoli con le cose che facevo io alla loro età... mi sono resa conto che questi studi generazionli hanno calcolato male gli anni e non hanno considerato quando la tecnologia è entrata in un determinato Paese.

per cui io, che dovrei essere Generazione X, sono il perfetto esempio di una generazione Y che muta verso la Z (con un trentennio quasi di ritardo sugli studi!!!).


Insomma mi sono messa ad analizzare le caratteristiche e nel mio essay sto smantellando una per una tutte le certezze e le etichette che sono state appioppate ai miei ragazzi.
Per farla breve la generazione Y è già là fuori che lavora da qualche anno e i nostri studenti sono di già i web native o millenial children o come cavolo li vogliono chiamare.... che tutto sono fuorché Highly Educated... ma non è colpa loro!

per cui quando ti trovi davanti queste persone ti devi domandare... in che anno sei nato? Dopo il 1995?
sospirone, segno della croce... tesoro lascia che zietta ti spieghi come usare il web perché mamma e papà non l'hanno fatto!

Deda said...

E devo dire una cosa... non è nemmeno colpa loro.

In questi giorni sto scrivendo un essay da presentare alla fine del corso che ho fatto per diventare insegnante qui a Singapore.

Per tutto il corso non hanno fatto altro che ripetermi che noi insegnanti ci ritroviamo davanti alla generazione Y.... ma, onestamente, quando vedo i risultati dei miei ragazzi e, soprattutto, confrontandoli con le cose che facevo io alla loro età... mi sono resa conto che questi studi generazionli hanno calcolato male gli anni e non hanno considerato quando la tecnologia è entrata in un determinato Paese.

per cui io, che dovrei essere Generazione X, sono il perfetto esempio di una generazione Y che muta verso la Z (con un trentennio quasi di ritardo sugli studi!!!).


Insomma mi sono messa ad analizzare le caratteristiche e nel mio essay sto smantellando una per una tutte le certezze e le etichette che sono state appioppate ai miei ragazzi.
Per farla breve la generazione Y è già là fuori che lavora da qualche anno e i nostri studenti sono di già i web native o millenial children o come cavolo li vogliono chiamare.... che tutto sono fuorché Highly Educated... ma non è colpa loro!

per cui quando ti trovi davanti queste persone ti devi domandare... in che anno sei nato? Dopo il 1995?
sospirone, segno della croce... tesoro lascia che zietta ti spieghi come usare il web perché mamma e papà non l'hanno fatto!

Deda said...

E devo dire una cosa... non è nemmeno colpa loro.

In questi giorni sto scrivendo un essay da presentare alla fine del corso che ho fatto per diventare insegnante qui a Singapore.

Per tutto il corso non hanno fatto altro che ripetermi che noi insegnanti ci ritroviamo davanti alla generazione Y.... ma, onestamente, quando vedo i risultati dei miei ragazzi e, soprattutto, confrontandoli con le cose che facevo io alla loro età... mi sono resa conto che questi studi generazionli hanno calcolato male gli anni e non hanno considerato quando la tecnologia è entrata in un determinato Paese.

per cui io, che dovrei essere Generazione X, sono il perfetto esempio di una generazione Y che muta verso la Z (con un trentennio quasi di ritardo sugli studi!!!).


Insomma mi sono messa ad analizzare le caratteristiche e nel mio essay sto smantellando una per una tutte le certezze e le etichette che sono state appioppate ai miei ragazzi.
Per farla breve la generazione Y è già là fuori che lavora da qualche anno e i nostri studenti sono di già i web native o millenial children o come cavolo li vogliono chiamare.... che tutto sono fuorché Highly Educated... ma non è colpa loro!

per cui quando ti trovi davanti queste persone ti devi domandare... in che anno sei nato? Dopo il 1995?
sospirone, segno della croce... tesoro lascia che zietta ti spieghi come usare il web perché mamma e papà non l'hanno fatto!