This blog is moderated! Dot not leave anonymous messages because I won't even open them and will directly reject them. Any attempt to spam this blog ends directly in the spam filter of my gmail account.

Saturday, January 05, 2008

Poiché siamo un Paese di serie B...

...dove non funziona niente... ho una bella avventura da narrare:

Ho assistito a una scena allucinante stasera sul treno... Dovevo prendere il regionale per Minturno o Napoli - ora chiamato Sessa Aurunca - delle 15:49 in partenza dalla stazione di Lukkettolandia (Roma Termini) per la mia Scomunicatolandia. Pioveva. Sono salita su una carrozza all'inizio del binario e me la sono fatta a piedi dentro dentro finché non ho trovato un posto e mi sono seduta. Mi pioveva in testa, me ne sono accorta dopo perché prendendo i fumetti dallo zaino li ho trovati stranamente zuppi - per qualche misterioso motivo ipod e macchina fotografica hanno deciso di non morirne) e mi sono spostata.... mi si è bagnato Midnight 2 e solo per questo speriamo che le ferrovie dello stato falliscano e le rilevino i tedeschi, cavolo!
A parte questo... arriviamo verso Cisterna e noto una famiglia che se la fa di corsa mentre il treno sta ripartendo. Il figliolino pubertoso grida: tira quella fottuta leva!
intendeva il freno!!! Che finezza, che educazione!
La gente che fa: Nooo ma siete pazzi?

la signora dice: ma noi dobbiamo scendere.
tirano la leva e il treno.... NON si ferma! O_O
insomma, questi sono dovuti scendere a Latina, usando due porte dopo quella del nostro scomparto... mentre dal nostro una ragazza scende riuscendo ad aprire una porta che si apre per metà: porta guasta?
io dico: orco can ma se è guasta perché non viene il controllore con la chiavetta e la blocca?
il controllore passa e sboronamente non dice niente tranne: biglietto!
sveglia un signore che, poverino, pisolava stanco con una gomitata... e lo poteva anche svegliare meglio! Ma non dice altro e se ne va, non dice: signori guardate che le porte sono rotte dovete usare quelle degli scompartimenti dopo. Non dice nemmeno: signori la carrozza è chiusa.
Niente.
Arriviamo a Sezze, quattro signore corrono verso la porta, viene loro detto di tirare l'anta sinistra come aveva fatto la ragazza in precedenza... l'anta si apre, due scendono... la porta suona e 10 secondi dopo, com'è giusto che sia.... il treno parte.
io penso: ma no, non hanno fatto in tempo, il controllore ha fischiato! Se la porta ha suonato sicuramente si è chiusa.
Macché chiusa! La porta era aperta apertissima!
E queste... scendono dal treno in movimento con la porta che suona!!! E CHE NON SI CHIUDE!!!! O_O
La figlia, la vedo dal finestrino, fa una faccia disperata e addolorata che fa pensare chissà che: ecco - penso - son finite sotto al treno.
Una signora nel vagone grida: oddio oddio! - e piange!
Le signore con lei fanno: non ti muovere, non guardare, non ti alzare!
I signori uomini si affacciano.
Minchia! Sono bloccata e non mi voglio muovere.
Il treno si ferma immediatamente.
Io penso: No, non è successo niente. Non può essere!
Una delle signore nel vagone dice: sono cadute ma non si sono fatte niente, una ha battuto contro al treno.
Il treno si spegne e il macchinista ferma i motori per venti minuti buoni... durante i quali succede di tutto.
- il controllore che grida che per ogni minuto di ritardo il treno prende 70 euro di multa.
- la gente che inveisce perché le porte sono rotte. Non ce n'è una sola funzionante in tutta la carrozza!
- lui che insiste che ci sono i cartelli.
Sì, i cartelli sulle porte di destra, non su quelle di sinistra, a sinistra non c'è niente!
- la gente che si lamenta perché paghiamo biglietto intero e non funziona niente.
- le signore che gridano alla denuncia.
ambulanza e polizia. Le ferrovie fanno rapporto ALLE signore!!! O_O
e lì finisce a querela e controquerela, ovviamente.
Nel vagone, l'ambaradan. Una signora biondolosa e impazzita grida che le signore hanno ragione, che lei farà da testimone, una ragazzina di Minturno le dà ragione perché le porte sono tutte rotte.
No, scusate - dico io - le signore sono passate dalla ragione al torto nel momento in cui sono scese dal treno in movimento mentre le porte suonavano.
Se si fossero fermate e avessero beccato una multa, potevano fare causa... ma non per questo motivo!
queste che mi rispondevano e io spiego: signore, il capotreno ha tot minuti per stabilire che la via sia libera e le porte disimpegnate. Nel momento in cui fischia non ci sono persone che salgono o scendono da almeno mezzo minuto. Nel momento in cui lui fischia il macchinista fa scattare il segnale sonoro. Il cartello dice chiaramente di non impegnare le porte mentre suonano perché stanno per chiudersi. Le porte si chiudono e il treno parte in 15 secondi.
Le signore hanno torto MA - badate bene MA - la porta... NON si è chiusa dopo il segnale sonoro.... la porta, o meglio, l'anta è rimasta aperta col treno in movimento. Perché una porta che il controllore dice rotta si è aperta? ovviamente è perché il controllore non l'ha controllata...
ECCO IL PRIMO APPIGLIO.
Il controllore prima di partire DEVE controllare il treno. Controlla le spie delle porte, se sono rotte va con la chiave e le chiude, perché le porte rotte... NON si chiudono ma si aprono... non il contrario! Se lo reputa necessario, il controllore chiude la carrozza qualora non ci siano sufficienti porte in funzione. Se le porte tra carrozze sono aperte è per consentire il passaggio da una carrozza all'altra. Ma il controllore DEVE spegnere le luci ed è premura del controllore fare presente a persone erroneamente sedute in una carrozza chiusa che la carrozza è chiusa...
Le luci erano accese e i riscaldamenti funzionanti ma, soprattutto, il controllore NON ha detto niente: il controllore è stato negligente.
può inveire quanto vuole che si sono presi 1500 euro di multa, mi pare il minimo e che li decurtino dal suo stipendio, a causa della SUA negligenza due signore stavano per morire (se la porta fosse stata bloccata come si deve la porta non si sarebbe aperta e non sarebbe rimasta aperta col treno in movimento - quelle porte sono delle ghigliottine!), i treni precedenti al nostro sono finiti in coda e hanno ritardato e noi siamo finiti su un binario morto per far passare l'altro traffico con priorità come IC e ES.
Detto questo... alla stazione di Scomunicatolandia c'erano ben 22 persone in fila per scendere dall'unica porta disponibile nella carrozza, bypassando due porte sulle quali era incollato... GUARDANDO FUORI.... un cartellino bianco di 5x 7 cm che diceva... LEGGIBILE SOLO DALL'ESTERNO - ribadisco: Carrozza Chiusa.

IO DICO: CARROZZA CHIUSA.
Secondo appiglio per le signore....


Signore, fategli il culo a strisce a sto controllore! Chi è negligente non merita pietà!

--------------------------------------------------------------------------------------

per dare manforte alle signore che hanno diritto di sporgere reclamo per danno, nonostante la loro stupidità nel voler scendere da un treno in corsa - che equivale a un suicidio - ho scritto a mia volta alle ferrovie accusando il capotreno di negligenza...

il mio Codice reclamo : 080105G3US


1 comment:

nimue said...

'Sti treni maleficiii! Questa storia è da brivido! è_é Negli ultimi anni sono diventata un'"aficionada" coatta delle FFSS/Trenitalia/Italfer (o come cavolo preferiscono farsi chiamare) e ne ho viste taaante, ma taante: treni fermi per ore, ma non se ne sa il motivo; niente aria condizionata; niente riscaldamento; niente luce; probabile suicidio e conseguente blocco della circolazione; locomotore che va a fuoco (ho visto le fiamme); viaggiatori quasi intossicati e fermi in galleria - e qui ce ne sono tante e lunghe (ho pensato di lasciarci le penne quella volta, giuro! T_T); treno in ritardo di 2 ore perché un'altro convoglio ha preso fuoco nella galleria della stazione di Sanremo (sì, perché qui la stazione è in galleria)... Chi più ne ha, più ne metta!. Qui in Liguria la tratta dev'essere tra le più sKamarce d'Italia (più marcia che ska), ma ce la mettono sempre tutta per affossare ulteriormente la situazione. E' da un po' di anni che mi sono messa anch'io a reclamare per il minimo disagio, prima lasciavo correre (ma forse la situazione era leggermente meglio), ora non più. Come si suol dire: mal comune, mezzo gaudio (ma in questo caso non consola mica tanto...).