This blog is moderated! Dot not leave anonymous messages because I won't even open them and will directly reject them. Any attempt to spam this blog ends directly in the spam filter of my gmail account.

Thursday, March 27, 2008

Book Update!

Sorry the images have italian text... but in any case the book is in Italian so you won't mind!

Il seguente gruppo di immagini rappresenta il copertinario del libro di deda. Il file originario era un pdf che io ho trasformato in 4 jpeg. Ci sono estratti dal libro e qualche immagine in più... insomma una sorta di preview. Anche se non è ancora disponibile su ibs... in queste foto troverete altre informazioni per poter ordinare il libro nelle fumetterie.













se i colori sembrano strani... so jpegs.... quando andate ad aprirli
torneranno normali.

Wednesday, March 26, 2008

Easter in Sicily.
I work as a little bug recently... trying to catch up with all the things that were left undone while I was feeling unwell.
It's not like I feel better now... but since I am still alive and can't do anything else but work until all the blood tests results are out that's what I'll do. I will work.
Now I was so swept away from work that I forgot to mention about my Easter, right?
Pasqua in Sicilia

I don't have much to say except the weather was so bad it was quite and adventure to land and take off from Palermo's airport. My relatives are all still there and I think this year was very quiet and nice to be there, it was even sunny for a day or so.
I'll mention the menu since it was the best part but... it did kill my stomach and I am trying to get back in shape.

Il tempo inclemente ci ha fatto vivere una vera avventura al nostro atterraggio a Palermo punta raisi... aeroporto costruito in un punto così pericoloso che più pericoloso non si può.
La cosa notevole di questi due giorni di ferie in Sicilia è senza dubbio il menu. Mi ha distrutto lo stomaco e sto cercando di rimettermi in sesto ma ne è valsa la pena... questo è quello che ho pensato quando l'aereo ha sobbalzato e i flap si sono incastrati al nostro decollo: almeno ho mangiato il profiterol.
Nunnata... I don't eat this... it's fish and I think it should be illegal too. If you eat babyfishes you won't find fishes later on!


Nunnata... è pesce... non lo mangio.




Fake Pasta con le sarde... it's vegetarian... no sarde (which are sardines)



the real one has sardines in it.
You don't see the difference?
Neither do I... but mine tasted
better! muahahahaha!

fish stinks!



Pasta con le sarde vegetariana... cioè senza sarde.

Ricotta frittata.

Devo tradurre?






With nice weather you can barbeque artichokes.

Carciofi alla brace! Si approfitta del bel tempo.






this was it for day 1.

Day 2

Fava pesto.

Pesto di fave... ho messo troppo pecorino
e ci ho rimesso due o tre papille.






Olives! good ones!

Che beddri cocci r'aliviiiii!






Artichoke salad.
Insalata di carciofi.

yeah yeah I love archichokes.




Dinnerrrrrrrr!

Ladies and gentlemennnnnnn.....

Sfincioneeeeeeee!!!

Vegetariano, of course.




Easter Lunch - Pranzo di Pasqua

All these pictures were taken so that I can send this link to my sister and she can drool over them! This is stuff I don't eat....
Tutte queste belle foto sono state scattate per far schiattare d'invidia mia sorella che non c'era! Ha ha ha ha. Questa è roba che io non mangio ma piace a lei.

Oysters
ostriche...






Seafood salad
insalata di mare.







Sea urchin pasta.

Spaghetti ai ricci di mare.







Spigola, Swordfish, giant squid.
Totano, pesce spada e spigola.







Other random dead fishes....
... e altri pescetti morti varii.






MY LUNCH - Il mio pranzo

Caprese.

Radicchio/ Trevisan Risotto.








Then I jumped from grilled veggies to dessert. Dopo una grigliata di verdure il dolce.


Profiterol!!!!!!!!!!!

Wednesday, March 19, 2008

Gashapon Hunter: here it comes!

Welcome to Jar Edizioni... Home of the
Gashapon Hunters and... their books.

Benvenuti alla Jar Edizioni (Bolognesi, cercatela!)
Casa dei gashapon hunters e... dei loro libri.



All Gashapons come in a gashapon ball...
so does a gashapon book.

Tutti i gashapon vengono in palline di
plastica... e anche i libri che li riguardano.




As you can see from the spine is a very small book,
not too complicated,
it does not require great concentration,
and it guarantuees some good fun.
Come potete vedere è un librino piccino, non troppo complicato, bassino, non richiede grande concentrazione e garantisce qualche buona risata.


The book cover was designed by Grace Toh on an original
concept by Deda. She did fix some major issues and brightened
up the whole thing.
Then Rolli refined a few techincal things and the whole thing was set.
La copertina è stata realizzata da Grace su un concetto originale mio (basato sui desideri del grande Mario che tutto decide e i suoi desideri sono ordini per me). Grace ha ripulito molto il tutto, organizzato il layout e aggiustato alcuni problemi di composizione. Deda poi ha disegnato tutto e Rolli ha sistemato i nostri papocchi, tecnicamente e con precisione ed ecco qua il risultato finale.

I colori sono più vivaci di quanto non sembrino in foto e tuttavia eleganti.

Inside pictures of my own collection and drawings... by me!!!


I disegni all'interno sono miei, insomma me la canto e me la suono, e ci sono foto anche di alcuni dei miei gashachicchini! (orso malefico incluso!)

Costo 12 euro.



per ulteriori informazioni:
Jar Edizioni
Distribuzione
Bolognesi andate a visitare lo spazio Jar in via Zucchini 9/M





Tuesday, March 18, 2008

Dalla Cina col Furgone.... compensation from China.

My sister came back from her trip and brought me a few surprises.
Mia sorella mi ha portato alcune sorpresine dalla Cina.

ATOM!

She found an Astroboy store in Hong Kong! Did not find any Tezuka Moderno at all O_O"... but got me a few other things.

Ha trovato un negozio di Astroboy, non c'erano Tezuka Moderno e mi ha preso altre cose.


PVC LOVE:
Pinoko, Black Jack,
Hyoutan-tsugi, Atom, Sharaku.
these are bathroom toys... cute little ones. They were not supposed to be mine but since my nephew broke my talking Astroboy ... these a now mine.
Pupazzetti per il bagno, inizialmente non indirizzati a me... ma visto che mio nipote ha rotto il mio astroboy parlante sono toccati a me!

Of course no toys of mine will never end up in those kids' hands ever again... until they learn to take care of their things and keep promises that is... Being "children" is too convenient of an excuse not to teach them things properly like: not being consumer whores.
That is why nothing has a value to them and they use and throw away when tired.
Which is something I never did as a kid... otherwise I don't see why I still have all of my toys, the very little I had, still kept in such a good way!
If you ask me... wealth is a bitch!

Ochanomizu hakasei, Atlas, Atom.
Penso che non darò mai più giocattoli in mano a quei maledetti gnappi finché non imparano a tenere le cose con cura e affetto e a mantenere le promesse... essere bambini è troppo comoda come scusa, anche io sono stata bambina e i miei giocattoli sono ancora tutti là in perfetto stato, quei pochini che avevo...
Il benessere è la madre di tutti i vizi se l'ozio ne è il padre.


Ecco un altro set di pupazzetti di gomma per il bagno *_*
Atom, Uran, Atom.







Astroboy Store bag.

Deda loves green.
This is a nice t-shirt! *_*

Dall'astroboy store mi è
arrivata anche una
bellissima maglietta.







In the end I got a Pucca too.





Thursday, March 13, 2008

Wednesday, March 12, 2008



e io continuo cosi' - fece
il bullone al dado che gridava "sei spanato!" E giro'
a vuoto per decenni finche' non fu ossidato.






(Illustration by Deda)



I'll keep on doing this - said the bolt to the nut who shouted "You will strip!"
So it spun uselessy until it oxidized.

Friday, March 07, 2008

Wednesday, March 05, 2008

I went for Mushrooms
Found truffles instead


On a personal note: I have been having weird dreams at night, all of them having to do with Barbarian invasions, monster's invasions, freeloaders, weird, unknown, creatures coming out of nowwhere. In all my dreams, after a while, I had to give up the intial tension and just accept the fact that no matter how many time I tried to remove them from my life they would come back.
In a while they either begun part of my routine... wake up, monster shows up, shoot the monster, go to the bathroom, secondo monster shows up, shoot the second monster, go have breakfast...
or I was so tired of being besieged that the feeling everything would be pointless would just make me give up: why fight to protect my land, my oranges, my clothes from being stolen... they'll be here again tonight, tomorrow and the next day. I'd rather burn it all and just become one of them and go and steal to others.

Why the heck was I having so many bad dreams? I was worried about something... bad.
My right side hurts, it's been hurting for years but the pain comes and goes. When i go to the bathroom it's... radioactive. So my doctor tried it all, blood test, allergy tests, maybe it's the colon, maybe the appendix. I went to him yesterday and said: what if it's an ovary?
My ultrasound was today... and right before that I was thinking what if my little egg turns out to be an Easter egg and gives me a little surprise I'd rather not receive?
Well, during my ultrasound... we went to look for mushrooms and truffles showed up... right.
What didn't show up actually.
How to say. It is nothing bad, now, but it needs constant checks.
It is nothing bad because I am young but apparently everywhere we lookd there was a cyst in it. So my uterus, my ovaries and my colecyst all showed an intruder.
In short my body is like Switzerland and all these foreign things come and camp in it.

The barbarian invasions of my dreams--- is it possible my body knew and told me about it?
If I think about it, after all, I had a weird foreing thing in my tyroid, it is now small and under control, one in my leg, it was removed but it came back, I had one in my ear that was destroyed but left a syndrome, now I have another bunch of them in my torso... water around my ovaries, microfollicular ovaries, a mioma in my uterus and about 2 colecystic cysts (colesterol formed. Apparently my liver produces a high colesterol bile).

In short these guys are here, don't pay rent and cause troubles and pain.
I can fight them, join them or get used to them... just like my dreams told me.
It could have been worse... they could be criminals! So far they are just freeloaders.
For now I know I will walk around like Napoleon, with one hand in my jacket... for a while!

---------------------------------------------------------------------------------
Andai per funghi
trovai tartufi, invece.


Di recente non facevo che avere strani incubi, tutti aventi a che fare con Invasioni Barbariche, mostri invasori, scrocconi, strane creature che spuntavano da chissà dove. In tutti questi sogni, dopo un po' dovevo abbandonare la tensione iniziale e accettare il fatto che, per quanto io cercassi di rimuovere, combattere o resistere a questi invasori, tornavano sempre alla carica. Era una vera condanna di Sisifo. Dopo un po' o diventavano parte della mia routine... ti svegli, sbuca un mostro, spari al mostro, vai al bagno, sbuca un secondo mostro, spari anche al secondo mostro e vai a fare colazione... Oppure mi riducevo talmente stanca di essere assediata che la sensazione dell'inutilità di tutta la mia lotta mi faceva semplicemente mollare: perché combattere per proteggere la mia terra, le mie arance, il mio bucato... torneranno stanotte, domani e dopodomani. Piuttosto brucio tutto e vado a rubare insieme a loro.

Perché avevo questi incubi? Ero preoccupata per qualcosa... di cattivo.
Mi fa male il fianco destro, mi fa male da anni ma il dolore va e viene. Quando vado al bagno poi... è radioattiva. Quindi il mio dottore ha tentato di tutto, esami del sangue, per la celiachia, per le allergie alimentari, forse è il colon e forse l'appendice.
Sono andata da lui ieri e ho detto: e se fosse un'ovaia?
Il dolore era troppo specifico, il sospetto grande.
La mia ecografia è stata oggi... e poco prima di entrare nello studio dell'ecografo pensavo: e se il mio piccolo ovetto si trasforma in uovo di pasqua di cattivo gusto?
Beh, durante l'ecografia... siamo andati per funghi e son spuntati tartufi... già.
Che cosa non è sbucato fuori.

Come dire. Non è niente di particolarmente grave ma necessita controlli costanti.
Non è grave perché sono giovane ma è anche strano che me ne ritrovi giovane come sono... per farla breve ovunque guardassimo c'era una cisti. Utero, ovaie e colecisti tutte presentano Un intruso.

Per farla breve il mio corpo è come la Svizzera e tutti questi estranei vengono e ci si accampano.

Le invasioni barbariche dei miei sogni--- possibile che il mio corpo sapesse e me ne stesse parlando?
Se ci penso, dopotutto, ho avuto per anni un corpo estraneo nella mia tiroide, che ora è piccolo e sotto controllo, uno nella mia gamba, che è stato rimosso ma è tornato, uno nell'orecchio che è stato frantumato ma ha lasciato una sindrome e ora ne ho un altro pacco nel torso... mioma, microfollicoli, polipi colisterilici nella colecisti.

E allora sti estranei sono qui, non pagano affitto e fanno casini e fanno male.
Posso combatterli, unirli a loro o abituarmici... proprio come nei miei sogni.
Poteva essere peggio... potevano essere dei seri criminali! Per ora sono solo scrococni.
Quindi per il momento mi devo accontentare di andarmene in giro come Napoleone con una mano nella giacca e sul fianco destro... per un bel pezzo!



Sunday, March 02, 2008

Mm's

Creative Commons License

“Ah! What the fuck!”
Michael Bolton, already doomed with a name that did not match his multi-tattooed multi-pierced “tough guy” appearance, but was chosen by his lovely mother, glanced over the direction of the café situated on the third floor of “Retrospective”, the underground bookstore he worked at as chief of security, and snorted.
He walke
d, massive, monumental, as if his body were a piece of granite on which you could have sculpted the face of another bunch of dead presidents; and as solemn as Mount Rushmore he stood casting his menacing shadow over a tiny old lady, sitting at one table surrounded by two backpacks, one large briefcase, a trolley and a pile of books that could have made the Chinese Great Wall turn pale.
Like the besieged stares at the besieger, so the little lady turned her gaze towards the young man and smiled.
“If it isn’t metal detector’s worst enemy!” Grinned the lady. “Would you mind moving, you are covering the light!”
“Marlowe, this is not the public library… you either buy the books you read or at least you put them back the way you found them.”
“What do you mean?” She turned away to sip her cappuccino.
“I mean this!” Michael lifted a book showing an evident and circular coffee stain on one of the book laying on the table. “And I have countless of other books with stains, tore pages and quotes written with pen!”
“You should be grateful I fix other people mistakes… so you won’t read bullshit!”
“These books aren’t yours… and people don’t care for your remarks, they want new books!”
The lady snubbed him only to flip another page and get enlightened.
“Ah-ha another mistake!” When she was about to write something on the page, Michael grabbed the volume and managed to get a long ballpoint line going across the page. “Well, it wasn’t a good page anyway!” She turned to sip her cappuccino.
“Oh hell!” He blurted impatiently. “And where did you get that coffee from?” He threw a cold glance towards the guy working at the café. “You are not allowed to get coffee in here!”
“Hey, don’t look at me dude, she brings her own stuff!” Replied the other one in self-defense.
“Chill, boy, it’s cappuccino. I am doing you a favor, you should thank me…Once books used to tell people intelligent things and I used to write books on books so people would not get fooled by common mistakes…”
“I’ve never seen any of your books...” He overlapped her.
“…and now they are shooting crap on crap…Like that Da Vinci code thingy..” She continued ignoring his comment.
“Jesus Christ, Marlowe, that’s a best seller…”
“Did it sell?”
“Of course not! You tore pages off from every single copy in store! Not to mention what you did to Harry Potter!”
“Oooh that one! The boy is named Pothead while he is evidently under crack…” She tried to protest.
“That is not the point! I get in trouble for every single thing you do, cuz I am chief of security here and if a book is damaged I didn’t do my job… I should charge you for all the things you do but in the end I always let you get away with it!”
“So that is how you repay me!” She sighed and assumed a melodramatic pose, lifting a hand to her forehead. “I try to spread culture and…”
“Look I warned you over and over!” He interrupted her. “Just cuz I hang out with your daughter doesn’t mean I have to be nice to you all the time…”
“My daughter’s weird… I am so sorry for you…” She went back to her occupation.
“If I weren’t shaved I’d be balding.” He sighed almost to himself. “Get out!” He grabbed her elbow. The woman got scared, then put up an air of superiority.
“Is this how you should treat the great Marlowe Philips?”
“Lady I don’t care if you wrote the Bible or the Lord of the Rings… get the fuck out now!”
“Fine!” She smiled. “Let me pack and I’ll go!”
Michael sighed, in relief and stepped away to let the woman pack her stuff in all comfort. He would every now and then throw an eye over the café to see if she was done and ready to go, then saw her strap one of the backpacks at the trolley and put the other one over her shoulders.
The woman stepped next to him and smiled.
“See you tomorrow, boy!”
“Don’t come back Marlowe, even if you were a great critic it doesn’t mean you were always right!” Said him.
“It doesn’t mean I was wrong either!” She smiled, pat his shoulder and left.
Michael went back to the table she was sitting at to pick up the books she left behind and check them out. The last one on the table was by author Marlowe Philips. The back cover up portrayed the lady in her youthful years. She looked pretty and witty. At first he was surprised and read the back cover only to realize that, back when she was writing, Marlowe really was considered one of the best critics of her times. He turned the book to read the front cover and find out the title of the book was some sort of a, very upsetting, subliminal message for him: Don’t fight with stupid. Subtitle: people might not notice the difference.
His eyes then slipped onto the table where he realized the woman had left another message, carved in the wood: t’was common place, but now I know for certain, the mother of the jerk is always pregnant.
His head fell on his chest, in despair.
“Ah! What the fuck!” He said again.
She had done it again and got away with it.


“E che cavolo!”
Michael Bolton, già condannato a un nome che non combaciava con la sua tatuata e piercing-dominante apparenza da “uomo duro”, nome scelto dalla sua adorabile madre, guardò vero la direzione del Caffè situato al terzo piano di “Retrospettive”, la libreria seminterrata dove lavorava come capo della sicurezza. Sbuffò col naso.
Si avviò, massiccio, monumentale, come se il suo corpo fosse un pezzo di granito sul quale si potevano scolpire un altro paio di ritratti di presidenti morti; così, solenne come il monte Rushmore, si pose proiettando la sua minacciosa ombra su una piccola anziana signora seduta a un tavolo e circondata da due zaini, una larga valigetta, un trolley e una pila di libri che avrebbe fatto impallidire la muraglia Cinese.
Come l’assediato fissa l’assediante, così l’anziana signora voltò il suo sguardo verso il giovanotto e sorrise.
“Oh guarda, il nemico numero uno dei metal detector!” Sogghignò la signora. “Ti dispiacerebbe spostarti? Mi copri la luce.”
“Marlowe, questa non è la biblioteca... o compri i libri che leggi o li rimetti a posto esattamente come li hai trovati.”
“Che vuoi dire?” Sorseggiò il suo cappuccino.
“Voglio dire: questo!” Michael sollevò un libro, preso a caso sul tavolo, mostrando un’evidente macchia circolare di caffè sulla sua copertina. “E ho un casino di libri in queste condizioni o con pagine mancanti o con appunti presi in calce... a penna!”
“Dovresti ringraziarmi visto che correggo gli errori altrui... almeno non leggi stronzate!”
“Questi libri non sono tuoi... e alla gente non gliene frega dei tuoi appunti, vogliono dei libri nuovi!”
La signora lo snobbò per occuparsi di un’altra pagina e illuminarsi d’immenso.
“Ah un altro errore!” Stava per scrivere qualcosa quando Michael afferrò il libro e, così facendo, si ritrovò con una lunga riga di penna a biro sul foglio. “Beh, non era un granché come pagina!” Si voltò nuovamente a sorseggiare il cappuccino.
“Al diavolo!” Sbottò, spazientito lui. “E dove lo hai preso quel caffè?” Fissò trucemente l’impegato della caffetteria. “Non ti è permesso di comperare caffè qui.”
“Ehi, non guardare me, se lo porta da casa!” Rispose il ragazzo in sua difesa.
“Rilassati, ragazzo, è cappuccino! Ti sto facendo un favore, dovresti ringraziarmi... Una volta i libri raccontavano cose intelligenti alle persone. Pensa che io scrivevo libri sui libri per evitare che la gente fosse fregata da stupidi errori...”
“Non ho mai visto un tuo libro.” La interruppe.
“...e ora sparano stronzate su stronzate... tipo quel robo-Codice Da Vinci...” Proseguì ignorando il suo commento.
“Gesù, Marlove, quello è un best seller...”
“Ah, ha venduto?”
“Certo che no! Hai strappato pagine da ogni singola copia presente in negozio! Per non parlare di quello che hai fatto a Harry Potter!”
“Ooooh quello! Perché diamine chiamano il ragazzo Pot-head quando è ben evidentemente sotto crack... è ovvio che non si fa di canne o no vedrebbe tutte quelle robe assurde là...” Cercò di protestare.
“Non è questo il punto! Mi metti nei guai, ogni volta, perché sono il capo della sicurazza, qui! Se i libri sono danneggiati allora non ho fatto bene il mio lavoro... dovrei farti pagare ogni libro che danneggi, farti pagare di brutto e invece la fai sempre franca!”
“Ah, è così che mi ripaghi!” Sospirò assumendo una posa melodrammatica, portandosi una mano alla fronte. “Provo a spandere la cultura e...”
“Ti ho avvertita un sacco di volte!” La interruppe. “Solo perché frequento tua figlia non vuol dire che devo essere gentile con te ogni volta...”
“Mia figlia è strana... mi dispiace per te...” Tornò alla sua occupazione.
“Se non fossi rasato perderei i capelli!” Sospirò quasi tra sé e sé. “Via via!” La afferrò per un gomito. La donna si spaventò, poi assunse un’aria di superiorità.
“E’ così che tratti la grande Marlowe Philips?”
“Nonna, non mi frega nemmeno se hai scritto la Santa Bibbia o il Signore degli Anelli... levati di culo!”
“Bene!” Sorrise. “Fammi raccogliere le mie cose e me ne vado!”
Michael tirò un sospiro di sollievo e si allontanò mentre la donna metteva a posto le sue cose con comodo. Ogni tanto si ritrovò a lanciare un’occhiata nella sua direzione per vedere se era pronta ad andarsene, la vite agganciare uno degli zaini al trolley e mettersi l’altro sulle spalle. La donna gli passò accanto e sorrise.
“A domani, ragazzo!”
“Non tornare Marlowe, anche se eri una grande critica non significa che avessi sempre ragione!” Le rispose.
“Ma nemmeno che avevo torto!” Rispose, gli diede una pacca su una spalla e uscì.
Michael tornò al tavolo al quale la donna era seduta per raccogliere i libri che aveva lasciato fuori posto. Li controllò. L’ultimo della pila era scritto da Marlow Philips. La quarta di copertina mostrava la signora in gioventù. Sembrava carina e intelligente. Sulle prime Michael fu sorpreso e lesse la sua biografia rendendosi conto che, ai suoi tempi, la donna era davvero considerata una delle più grandi critiche dei suoi tempi. Guardò la copertina del libro e si accorse che il titolo era una sorta di sottile, subliminale, messaggio rivolto a lui: Non litigare con lo stupido. Sottotitolo: la gente potrebbe non notare la differenza.
I suoi occhi si mossero sul tavolo dove, si accorse, la donna aveva lasciato un altro messaggio, scritto sul legno: è luogo comune, ormai sono convinta, la mamma del cretino è sempre incinta.
La testa gli cadde sul petto, afflitta.
Aveva colpito di nuovo e di nuovo l’aveva fatta franca.




Manifesto!


Thou shalt become dedaist! NOW!

Diventa dedaista: ORA! (è un ordine)

It's the best picture I have taken in years! Hahaha!

Saturday, March 01, 2008

Fancy Bernini Toilets
Cessi di lusso per uccelletti


Birds can really afford to use a Bernini statue as a toilet...
Now here's a bunch of Bernini angels who don't look to happy about
their little winged friends.

..... AAAAGH! There's a bird on my head!!! Oh my gosh! Get it off! Get it off!

Gli uccellacci di Roma si possono permettere di usare le statue del Bernini come cessi. Ecco un paio di angioloni che non sembrano molto contenti di questa soluzione.
Questo qua era isterico: Ah, un uccello! Un uccello! Uggiesùùù! Toglietemelo di dosso! Presto! Presto!


Looking at his disgusted face we can see... it was too late!

Troppo tardi... la sua faccia disgustata la dice lunga!







This one is getting help from his buddy, trying to get rid of the "thing" with a stick.

Questo cerca aiuto dal vicino mentre cerca di sbarazzarsi del pennutocoso con un bastone. Ti 'cchiappo sa, maledetto pennuto, mo' te do èna mazzata coè sto bastone e vedi te....
e quello accanto: 'spetta che lo infilzo! Non ti muovere che sennò acchiappo te.